Lenticchie verdi grandi BIO del Fortore 500g
  • Lenticchie verdi grandi BIO del Fortore 500g

Lenticchie verdi grandi BIO del Fortore 500g

Rif: Tds1989  -  Palumbo

Lenticchie verdi grandi biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Offrono un apporto importante di proteine vegetali e ferro.

3,20 €
Tasse incluse IVA IT 4%
Quantità
Disponibile

Aggiungi alla lista dei desideri

Lenticchie verdi grandi biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Offrono un apporto importante di proteine vegetali e ferro.

Tds1989

Scheda tecnica

Biologico Si
Vegan Ok No
Gluten Free No
Raw Food No

Riferimenti Specifici

Recensioni

Non ci sono recensioni dei clienti per il momento.

Scrivi la tua recensione

Lenticchie verdi grandi BIO del Fortore 500g

Lenticchie verdi grandi biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Offrono un apporto importante di proteine vegetali e ferro.

Scrivi la tua recensione

16 altri prodotti della stessa categoria:
Rif: Tds2103  -  Palumbo

Cicerchie biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Anteprima
Rif: Tds1988  -  Palumbo

Lenticchie verdi piccole biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Offrono un apporto importante di proteine vegetali e ferro.

Anteprima
Rif: Tds1056  -  Sole di Cajani

        

Fagioli neri dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
Rif: Tds1050  -  Sole di Cajani

        

Fagioli cannellini dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
Rif: Tds2122  -  Palumbo

Lenticchie nere BIO del Fortore 500g

Anteprima
Rif: Tds0090  -  Bioland

Bioland.png   

Favette sgusciate biologiche prodotte dall'Azienda Bioland (Gravina di Puglia - BA). 

Un legume antichissimo recuperato e reso sgusciato per una più facile preparazione e una maggiore digeribilità.


Anteprima
Rif: Tds1993  -  Palumbo

Fagioli nostrani biologici tipici del territorio della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Di colore bianco brillante, il seme è di piccole dimensioni, la tipologia è una via di mezzo tra il cannellino ed il tondino ed è da individuare, molto probabilmente, come il Fagiolo bianco di Montefalcone inserito dalla Regione Campania tra i “prodotti tradizionali”. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

I fagioli nostrani, coltivati in questo ambiente, acquisiscono particolare sapidità e sono particolarmente predisposti per la cottura.

Anteprima
Rif: Tds1055  -  Sole di Cajani

        

Fagioli "con l'occhio" dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
Rif: Tds2015  -  Palumbo

Lenticchie verdi piccole biologiche coltivate a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.
Offrono un apporto importante di proteine vegetali e ferro.

Anteprima
Rif: Tds1018  -  San Felice

     

I ceci di Cicerale (Presidio Slow Food) sono un ecotipo locale molto pregiato. Coltivato dalla fine dell'900 in questa zona del Cilento, è l'elemento che dà il nome al Comune di “Cicerale” (nello stemma comunale di Cicerale compare la piantina del cece con la scritta in latino "Terra quae cicera alit" - la terra che il cece preferisce).

Coltivati con il metodo biologico, raccolti a mano e sgranati con il vecchio metodo, battendoli con i bastoni per distaccare i ceci. Si distinguono per le dimensioni piccole e la colorazione leggermente più scura degli altri ceci. Hanno ridottissima umidità e quindi grande resa.

Ottimi da mangiare "a zuppettella", cioè con l'olio extra vergine d'oliva fresco.

Anteprima
Rif: Tds1048  -  Sole di Cajani

        

Ceci bianchi dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano-SA).

Anteprima
Rif: Tds0548  -  Il Fagiolo D'Oro

      

Il nome di questo ecotipo è da attribuire al suo inconfondibile colore, un verde chiaro più o meno intenso a seconda della zona di coltivazione.

Fagiolo nano dal seme tondo-ovoidale, è apprezzato per la delicatezza del gusto e per la buccia particolarmente tenera.

In cucina si sposa perfettamente con la pasta e con il riso, ma è adatto anche alla preparazione di squisite zuppe da solo o con l’aggiunta di carne, pesce o verdura.

Nel 1996 il fagiolo di Sarconi ha ricevuto il marchio I.G.P. da parte dell'Unione Europea. 

Unica confezione sottovuoto: 500g.

Anteprima
Rif: Tds1053  -  Sole di Cajani

        

Fagioli tabaccara dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
Rif: Tds1995  -  Palumbo

Fagioli neri biologici coltivati a San Bartolomeo in Galdo (BN), il comune più grande della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

Fagioli neri sono ad alto contenuto di ferro, calcio, vitamina B e acido folico, sali minerali e il magnesio, fosforo e manganese. La presenza dell’alto contenuto di fibre fa sì che siano ottimi per favorire la digestione e prevenire la stipsi.

Anteprima
Rif: Tds1060  -  Sole di Cajani

        

Cicerchie dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
Rif: Tds1051  -  Sole di Cajani

        

Fagioli borlotti dell'Azienda Sole di Cajani (Caggiano - SA).

Anteprima
I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:
Rif: Tds1593

La radice dello zenzero ha un aroma piccante e caratteristico, ha proprietà corroboranti e digestive; lo zenzero ha un sapore deciso, gradevole e rinfrescante, ottimale è non eccedere nelle quantità e aggiungerlo a metà cottura. La confezione è realizzata artigianalmente in carta fatta a mano a partire da fibre naturali, inoltre contiene alcune ricette da provare con questa spezia. Abbinamenti: abbinato al peperoncino e allaglio nelle salse giapponesi per il pesce crudo, lo zenzero caratterizza in India i chutneys e le zuppe di lenticchie.

Anteprima
Rif: Tds1155

Prodotto peculiarissimo, realizzato da oltre un decennio dall'Azienda Agricola Verticelli.

Le PESCHIOLE sono piccole pesche nettarine acerbe, tolte dall'albero prima ancora che si sia formato il nocciolo. Questo fa si che si possano gustare nella loro interezza. Lavorate con metodo artigianale tramandato in famiglia, al naturale e conservate in agrodolce con aceto di vino di prima qualità. 

Il risultato è un prodotto croccante, dal gusto sontuoso, in perfetto equilibrio tra dolce e salato, da gustare con aperitivi, cocktail, insalate di mare e di terra, con baccalà e con piatti raffinati di alta cucina.

In qualsiasi modo verranno utilizzate sicuramente sapranno stupire e incuriosire.

Formati disponibili: 212g - 380g - 1Kg

Anteprima
Rif: Tds1536

Apprezzati da secoli per le loro proprietà, questi piccoli semi di una pianta tropicale, la Salvia Hispanica,costituivano la base delle antiche popolazione preincaiche del Centro e Sud America. Questi semi di chia, testimoni di una tradizione gastronomica millenaria, vengono tutt'oggi coltivato esclusivamente in zone incontaminate tra i 1800 e i 2800 m, sui piedi della Cordigliera delle Ande, a Sud del Perù.

Anteprima
Rif: Tds1257

   

Confettura di frutta freschissima realizzata con zucchero di canna biologico dall'Azienda S.Felice di Cicerale (SA), nel cuore del Cilento. Filiera cortissima dalla terra al barattolo per una confettura artigianale che stupisce ad ogni assaggio. Ottima da abbinare a formaggi e yogurt.

INGREDIENTI: *kumquat, *zucchero di canna. *Da agricoltura biologica

Anteprima
Rif: Tds1994

Fagioli nostrani biologici tipici del territorio della Val Fortore, al confine tra Campania, Puglia e Molise. Di colore bianco brillante, il seme è di piccole dimensioni, la tipologia è una via di mezzo tra il cannellino ed il tondino ed è da individuare, molto probabilmente, come il Fagiolo bianco di Montefalcone inserito dalla Regione Campania tra i “prodotti tradizionali”. Le coltivazioni si trovano a circa 700 metri s.l.m. tra colline coperte dì vigneti, uliveti e frutteti, che dominano la vallata del fiume Fortore.

I fagioli nostrani, coltivati in questo ambiente, acquisiscono particolare sapidità e sono particolarmente predisposti per la cottura.

Anteprima
Rif: Tds1564

Alloro, i suoi utilizzi sono fra i più variegati: in cucina è ottimo per aromatizzarne carne e pesce o per dare nuovo gusto alle verdure, in casa può essere sfruttato come rimedi contro gli insetti e per la conservazione degli abiti, a livello di organismo può essere utile contro alcuni malanni dell’inverno quali i sintomi da raffreddamento.

Anteprima
Rif: Tds0780

Melauro.png      Di_Sicilia_1.pngVEGANOK.png

Pomodori secchi di Sicilia, naturali, secchi e senza sale.

Confezionati in busta.

Anteprima
Rif: Tds2162

Ferrandina, storico comune della provincia di Matera, lega il suo nome alla Maiatica, vigorosa cultivar a duplice attitudine che si presta egregiamente tanto alla produzione di un delicatissimo olio extravergine di oliva, quanto a quella di olive da tavola denominate, appunto, olive infornate di Ferrandina.

L’oliva di Ferrandina è maiatica e la maiatica trova il suo habitat ideale solo nell’agro di Ferrandina: un binomio ormai indissolubile. Invano si è tentato di far radicare altrove questa cultivar con risultati altrettanto soddisfacenti. Tipica è l’oliva, ma tipico è anche il processo di trasformazione necessario per dare al prodotto finito le peculiari caratteristi organolettiche che lo caratterizzano e che ne hanno fatto una vera ricercatezza nel panorama delle olive da mensa, tanto da diventare un presidio Slow Food.

Specialità gastronomica apprezzata e ricercata, le olive infornate di Ferrandina sono il risultato della sapiente lavorazione della cultivar Maiatica secondo procedimenti che risalgono a tempi assai remoti. Con la sola aggiunta di sale sono un prodotto genuino tipico della Lucania, rinomato per il suo inconfondibile gusto. Custode dell’antica tradizione è il Frantoio Oleario “Giovanni Lacertosa” situato a Ferrandina, cuore di questa produzione olivicola.

“Le Mariannine” sono un alimento ideale per accompagnare salumi e formaggi stagionati e per caratterizzare insalate e piatti rustici. Squisite sono nelle insalate di arance, nelle zuppe di zucca gialla ed ancora con il baccalà in umido oppure condite con olio extravergine di oliva, aglio a pezzetti e scorza di arancia o limone grattugiata.

Anteprima